La strega Balana, un racconto di un abitante di Camino

Tratto da Tiaris di Cividât e de Badie di Rosacis, Terre di Cividale e dell’Abbazia di Rosazzo, Istituto di Ricerca Achille Tellini.

Par furlan.

Cuanch’e vedèvin le code buje, chê pìçule, e’ disèvin: “Ve’ ca ch’e passe le strie Balane!”. Si sbrocàvin cussì. E dopo e’ disèvin che a Orsarie, in tune crosade, si cjatàvin dutis lis striis de zone, di Cjamin, di Mangignel, di Manzan. E li e’ fasevìn dut un discors di ce fâ, di dulâ lâ a fâ maleficis.

In italiano.

Quando scorgevano la tromba d’aria, quella piccola, dicevano: “Ecco che arriva la strega Balana!”. Si sfogavano in questo modo. Si diceva pure che a Orsaria, in un incrocio, si radunavano tutte le streghe dei dintorni, di Camino, di Manzinello, di Manzano. E là facevano, grandi discorsi su che cosa fare, dove andare a far malefici.

(Visited 387 times, 1 visits today)

Note sull'autore