Chi lavora di più tra i consiglieri regionali Fvg

La classifica dei Consiglieri regionali Fvg.

Con 310 atti di Palazzo, 120 interrogazioni e 41 mozioni dall’inizio della legislatura in testa alla classifica c’è Diego Moretti, del Partito democratico. È Moretti ad aprire l’elenco dei consiglieri della nostra regione con maggiore produttività, dove vengono riportati per ciascuno anche il numero delle interrogazioni e mozioni. È la classifica degli atti compiuti dai rappresentati di piazza Oberdan. Un elenco solo numerico, che sicuramente non fotografa appieno l’attività di un consigliere, ma che rappresenta sicuramente un termometro dell’operosità.

Dopo Moretti, al secondo posto compare Furio Honsell, rappresentante di sinistra, con 293 atti, 63 interrogazioni e 51 mozioni e terzo Andrea Ussai, Movimento 5 Stelle, con 282 atti, 53 interrogazioni e 60 mozioni. A seguire di nuovo il Pd, perché Nicola Conficoni sfiora di poco Ussai con 280 atti, 128 interrogazioni e 40 mozioni. Presente nella top 10 Massimo Moretuzzo del Patto per l’Autonomia con 267 atti,79 interrogazioni e 44 mozioni, rincorso dal pentastellato al primo mandato Cristian Sergio che ha accumulato 256 atti, 51 interrogazioni e 53 mozioni.

Al settimo posto troviamo un altro rappresentante per il Patto, Giampaolo Bidoli con 245 atti, 74 interrogazioni e 42 mozioni. Ottavo e nono posto sono Pd e si tratta rispettivamente di Mariagrazia Santoro, 240 atti, 82 interrogazioni e 44 mozioni, e Sergio Bolzonello, 236 atti, 57 interrogazioni e 48 mozioni. Sfiora la posizione di Bolzonello di poco Mara Piccin, con 235 atti, 34 interrogazioni e 24 mozioni. A metà dell’elenco del Consiglio regionale spuntano poi due per Cittadini. Sono Tiziano Centis e Simona Liguori, che possono contare di 198 atti, 38 interrogazioni e 46 mozioni il primo e 192 atti, 54 interrogazioni e 40 mozioni la seconda. La Lega c’è, al ventunesimo posto con il capogruppo Mauro Bordin che ha in tutto 166 atti di Palazzo, 8 interrogazioni e 50 mozioni.

(Visited 630 times, 1 visits today)

Note sull'autore