Al via la discesa dei contagi da Covid in Fvg, “effetti benefici per gli ospedali”

La discesa dei contagi da Covid in Fvg.

 “In base ai dati è possibile ipotizzare che, alla fine di questa settimana, l’andamento della pandemia entrerà nel cosiddetto plateau; quindi, dalla prossima settimana, dovrebbe esserci una riduzione della curva dei contagi, che produrrà effetti positivi sulla domanda ospedaliera nell’arco di ulteriori 10-15 giorni”.

Lo ha dichiarato il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, ai rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil durante l’incontro avvenuto in modalità telematica per tracciare un quadro della situazione pandemica, nell’ambito del quale è stata decisa la creazione di tavoli di confronto tra la Regione e i sindacati sugli investimenti legati al Pnrr e le tematiche legate alla sanità e alla salute.

“La crescita dell’infezione nella nostra regione sta rallentando rispetto alle scorse settimane ed è minore rispetto al Veneto e alle Province di Trento e Bolzano, ma la forte diffusione del virus in Slovenia è un fattore di preoccupazione – ha detto Riccardi -. In questo contesto deve però essere considerato l’elevato numero di tamponi eseguiti in Friuli Venezia Giulia: facendo la proporzione tra i casi e i tamponi eseguiti nella settimana dal 17 al 23 gennaio di quest’anno la nostra regione registra un dato del 15,5%, che si colloca quasi un punto percentuale sotto la media nazionale del 16,4%“.

Riccardi ha spiegato che “al momento oltre il 90 per cento dei contagi registrati in regione sono riconducibili alla variante Omicron, che si conferma essere molto trasmissibile ma, nella maggior parte dei casi, meno pericolosa per la salute. Nonostante l’infezione sia molto più diffusa rispetto alle precedenti ondate di Covid-19, la necessità di ricovero in ospedale sia in area medica, sia in terapia intensiva è inferiore rispetto allo scorso anno”.

In merito alla campagna vaccinale, nel corso della riunione Riccardi ha sottolineato che “circa l’80% della popolazione regionale ha ricevuto il vaccino e che, considerando solo i soggetti vaccinabili, la percentuale sale all’83%. Complessivamente i dati della Regione evidenziano che i cittadini vaccinati sono 952mila, ma aggiungendo il personale militare residente si raggiunge quota 990mila. Sul fronte delle terze dosi, effettuando 568mila somministrazioni abbiamo superato l’obiettivo richiesto dal generale Figliuolo di 518.801 dosi”.

Il vicegovernatore ha quindi confermato le difficoltà create dalla forte diffusione del virus tra il personale sanitario e dalla sospensione dal servizio dei professionisti non vaccinati. Una situazione che riguarda in particolare gli infermieri, che rappresentano il 39,3 per cento del personale del servizio sanitario regionale assente dal lavoro perché colpito dal coronavirus o non in possesso del green pass, ma anche medici (14,8%) e operatori socio sanitari (23,4).

Condividi l'articolo