Si riaccende lo scontro sul 5G, incontro dei comitati di Udine

Udine, con una diretta web in programma l’11 novembre 20.30.

I comitati spontanei Stop5G Udine e provincia e Stop5G Pordenone, unitamente ai comitati spontanei di vari comuni di altre province organizzano un evento informativo per tutti i cittadini. La diretta si terrà mercoledì 11 novembre alle 20.30 cliccando sul link https://youtu.be/KV9n6bUMb-0

“L’appuntamento – spiegano gli organizzatori – è finalizzato a permettere a tutti di conoscere i rischi della tecnologia che utilizziamo ogni giorno e del 5G che sta arrivando rapidamente nelle nostre vite. Una tecnologia che promette un cambiamento epocale, ma porta con sé rischi principalmente legati alla salute, all’ambiente e alla privacy. Le istituzioni italiane non si sono mai occupate, se non in minima parte, di informare sui rischi dell’elettrosmog, nonostante sia previsto dalla legge 36/2001 e le sentenze del Tar del Lazio e successivamente del Consiglio di Stato abbiano condannato tre ministeri, colpevoli di non aver informato i cittadini sui rischi sanitari dell’inquinamento elettromagnetico. Pertanto – proseguono –  gran parte della persone oggi utilizzano in maniera assolutamente inconsapevole la tecnologia wireless (senza fili) a danno di tutti, in particolare delle categorie più deboli (bambini, donne incinte, anziani, malati ecc.)”.

L’intento dei vari comitati è quello “di diffondere – spiegano – la consapevolezza dell’uso della tecnologia attuale e futura, nella convinzione che le azioni dei singoli cittadini siano fondamentali per portare ad un cambiamento nel mercato. Riteniamo importante lo sviluppo tecnologico, ma nel rispetto in primis della salute di tutti. Diamo il benvenuto allo sviluppo della fibra ottica, in modo tale da garantire alla popolazione e alle aziende connessioni prestanti e adatte alle esigenze di lavoro, mentre diciamo stop all’inquinamento senza fili, un inquinamento silenzioso e invisibile e assolutamente dannoso per tutti noi”.

L’evento era stato previsto in presenza, ma a causa delle disposizioni degli ultimi Dpcm, è stato trasformato in conferenza via web. L’appuntamento è stato organizzato dai comitati spontanei Stop5G Udine e provincia e Stop5G Pordenone, con il sostegno dei comitati spontanei Stop5G Pordenone Provincia, Roveredo in Piano, Sequals, Spilimbergo, Sacile, Remanzacco, Gemona, Friuli Collinare, Manzano, Cividale del Friuli, Martignacco, Pasian di Prato, Cassacco, Buttrio, No5G Grado.

Condividi l'articolo