Si fa male sul Monte Corno, soccorsa assieme al compagno a tarda notte

L’infortunio durante l’escursione ad Ampezzo.

Si è chiuso alle 1.40 del mattino sotto una pioggia battente per tutto il percorso l’intervento di soccorso sul Monte Corno nei pressi di stavoli Peli, nelle Alpi Carniche.

Dodici soccorritori della stazione di Forni di Sopra, assieme a quelli della Guardia di Finanza, hanno raggiunto la persona ferita e il compagno poco dopo le 23. I due, molto infreddoliti, si trovavano un centinaio di metri sotto Stavoli Peli e hanno risposto con le torce ai segnali luminosi e acustici dei soccorritori in avvicinamento. Questi ultimi han percorso 4 km dal punto in cui han lasciato i mezzi fuoristrada e 400 metri di dislivello muovendosi fra tratti con neve e alberi abbattuti dalla tempesta Vaia, un vero e proprio labirinto che ha reso molto problematico il ritorno con la barella.

La donna, una 49enne di Ruda, dolorante per la frattura alla caviglia, è stata stabilizzata dall’infermiere volontario unitosi al gruppo dei soccorritori dalla stazione di Forni Avoltri del Soccorso Alpino, ed è stata sistemata sulla barella e trasportata in falsopiano e poi in salita a spalla da sei soccorritori, superando non senza difficoltà viste le condizioni meteo, tratti con neve e soprattutto i numerosi schianti di alberi e rami di traverso, con le soste necessarie a liberare il passaggio con la motosega, sempre sotto la pioggia man mano più intensa.

Il Soccorso Alpino invita gli escursionisti a non avventurarsi in luoghi dove c’è evidenza di difficoltà di movimento. Ci sono ancora vaste aree dove gli schianti di Vaia rendono difficile e pericolosa anche una semplice escursione. Si raccomanda inoltre di percorrere i sentieri Cai e le piste forestali ed evitare quelli segnati in nero sulle mappe con tracce spesso non più esistenti.

(Foto di repertorio)

(Visited 777 times, 1 visits today)

Note sull'autore