Incagliato con la barca al buio nel Canale Quarantia, recuperato dopo tre ore

L’intervento a Canale Quarantia per una barca incagliata.

Guardia costiera di Monfalcone impegnata in un lungo intervento ieri sera a Staranzano. Una persona a bordo della sua unità di 6 metri incagliata in acque interne nel Canale Quarantia, infatti, alle 20.30 di domenica ha richiesto assistenza a causa delle nebbia fitta presente in zona. È stato impiegato un battello dei Vigili del Fuoco di Gorizia, mentre una pattuglia terrestre della Guardia costiera di Monfalcone si è diretta in località Punta Barene per individuare l’unità.

Alle 23.20 il battello dei Vigili del Fuoco ha proceduto al recupero della persona in difficoltà e al successivo sbarco in sicurezza a terra presso Punta Barene.

Le condizioni di scarsa visibilità che si sono verificate ultimamente sono tipiche delle condizioni meteo marine che si stanno registrando in questa stagione. La capitaneria di porto di Monfalcone consiglia di intraprendere la navigazione sempre dopo aver verificato le previsioni metereologiche della zona, avendo ben presenti le zone di bassi fondali rispetto alla rotta programmata, assicurandosi di avere al seguito anche un telefono cellulare carico.

È bene anche controllare le dotazioni di sicurezza dell’unità e ricordarsi che, per l’emergenza in mare è attivo, oltre al Nue 112, anche il numero blu 1530, gratuito su tutto il territorio nazionale ed attivo 24 ore su 24 per 365 giorni all’anno.

Condividi l'articolo