Bitcoin e Criptovalute: Frode o Futuro?

Pochi problemi dividono gli investitori rispettati tanto quanto la criptovaluta. Per sentirlo dire da molti investitori di valore classico, la criptovaluta è Bernie Madoff con la dimensione aggiunta di sprecare elettricità e facilitare attività criminali squallide.

Altri, tra cui molti famosi investitori macro come Paul Tudor Jones, Stan Druckenmiller e Dan Loeb, credono che siamo ai primi inning di una nuova classe di attività trasformativa, che eliminerà i tradizionali intermediari finanziari in cerca di rendita, collegherà direttamente gli attori economici ed espandere i servizi finanziari ai confini più remoti del globo.

La gamma di risultati previsti è sbalorditiva.

Man mano che scaviamo ulteriormente nell’ecosistema crittografico, la complessità (e il potenziale) diventano evidenti. Qualunque sia la tua impressione iniziale, una classe di attività di circa $ 2 trilioni dovrebbe essere affrontata con interesse, rispetto e umiltà.

In questo post del blog, miro a rispondere a quattro domande discrete:

  • Bitcoin è uno schema Ponzi?
  • Bitcoin minaccia il dollaro USA?
  • Quali sono i nostri strumenti preferiti di gestione/temporizzazione del rischio Bitcoin?

Bitcoin è uno schema Ponzi?

In un articolo di maggio per il New York Times, Paul Krugman si è scervellato, chiedendosi “Perché le persone sono disposte a pagare ingenti somme per beni che sembrano non fare nulla?”

Krugman ha concluso che Bitcoin era uno schema Ponzi alimentato da “technobabble” e “libertarian derp”. In sostanza, l’argomento dello schema Ponzi si riduce al fatto che Bitcoin non ha un vero caso d’uso.

Dal nostro punto di vista, la tecnologia cripto-blockchain in senso lato ha una serie di potenziali casi d’uso. Più nello specifico, Bitcoin sembra essere lo strumento perfetto per i trasferimenti transfrontalieri di ingenti somme di ricchezza.

Non è un caso che la Cina e altri paesi con controlli sui capitali dominino il mining di Bitcoin a livello globale. Laddove c’è ricchezza intrappolata dietro i controlli sui capitali, la domanda di Bitcoin sarà molto indietro.

La storia è piena di esempi di beni che hanno derivato valore dalla loro capacità di trasferire clandestinamente ricchezza oltre confine.

Diamanti, opere d’arte, metalli preziosi, libri rari e altri “oggetti da collezione” agiscono tutti come riserve di valore che possono surrettiziamente attraversare i confini giurisdizionali. Bitcoin è la logica evoluzione di questa domanda.

I trend internazionali dimostrano che le persone continuano a investire attraverso piattaforme affidabili come https://bitalphaai.app/it/, quindi questo mercato non sembra sparire da un momento all’altro.

Considera quanto segue:

  • La prova del lavoro garantisce che Bitcoin non possa essere contraffatto
  • Con una capitalizzazione di mercato di $ 750 miliardi, la liquidità abbonda
  • Il trasporto digitale rende anche i diamanti relativamente ingombranti (10 milioni di dollari di oro pesano poco meno di 500 libbre)
  • I paesi con controlli sui capitali, come Cina, India e Corea del Sud, sono stati all’avanguardia nella soppressione di Bitcoin. Chiunque non riesca a vedere un caso d’uso legittimo per Bitcoin non si è messo nei panni di un cittadino di tale giurisdizione. Nei mercati sviluppati, i diritti bancari e di proprietà stabili sono dati per scontati. In tutto il mondo, tuttavia, queste condizioni rimangono l’eccezione.

Bitcoin minaccia il dollaro USA?

Altri attribuiscono un potere soprannaturale a Bitcoin e sostengono che se gli sarà permesso di crescere, supererà il dollaro USA. Il risultato è che il Bitcoin è troppo pericoloso per il governo degli Stati Uniti e, quindi, verrà eliminato dalle autorità di regolamentazione.

Come affermato, vediamo casi d’uso legittimi per le criptovalute, tuttavia, pensiamo che ci siano praticamente zero possibilità che le criptovalute sostituiscano il dollaro USA.

Piuttosto che vedere Bitcoin come una competizione per il dollaro USA e le valute fiat, pensiamo che sia più propriamente visto come una competizione per (o un’aggiunta a) l’oro. In effetti, contro intuitivamente, riteniamo che Bitcoin supporti il ​​dollaro USA.

I paesi con valute stabili e forti diritti di proprietà privata potrebbero beneficiare di questi deflussi facilitati da Bitcoin. In altre parole, l’obiettivo finale non è convertire lo yuan cinese in Bitcoin, ma portarlo in una giurisdizione di scelta più stabile. Bitcoin è un canale per queste transazioni. I mercati interessanti (come gli Stati Uniti) sono la destinazione.

Questo significa che non vediamo alcun rischio normativo? No, non è così. Con una classe di attività emergente, c’è sempre il rischio di un passo falso normativo.

Tuttavia, la regolamentazione in generale non deve essere temuta. Piuttosto, la regolamentazione può equivalere all’accettazione. Apre la strada all’adozione istituzionale. Sebbene la crittografia si stia avvicinando a questo risultato, non è ancora arrivata.

In ogni caso, consideriamo Bitcoin un aspetto negativo per i paesi che impongono severi controlli sui capitali ai propri cittadini e un aspetto positivo per giurisdizioni più laissez-faire.

Condividi l'articolo