Cedimenti del manto stradale, al via i lavori di messa in sicurezza a Fiume Veneto

I lavori a Fiume Veneto.

In seguito ad alcuni cedimenti sul manto stradale in via Borgo Venezia, su richiesta del comune di Fiume Veneto, nei giorni scorsi la ditta privata concessionaria della derivazione idroelettrica, a cui spetta la competenza sulla manutenzione delle sponde del fiume Fiume, sta provvedendo ad un intervento di per la sistemazione della stessa.

E’ stato necessario sollevare le paratoie, posizionate presso l’ex – cotonificio, per abbassare il livello dell’acqua onde consentire alle macchine operatrici di accedere al letto del fiume. Ciò ha evidenziato come un tratto dell’arginatura di quasi 40 metri, visibile in particolare dopo la rimozione della massicciata, si presenti in uno stato di degrado, soprattutto a causa della mancanza di un basamento solido di appoggio.

“Appena preso atto della situazione – dichiara il vicesindaco Roberto Corai – non avendo il comune né la proprietà, né la competenza sul fiume Fiume, abbiamo richiesto un sopralluogo urgente alla Regione e alla Protezione Civile per valutare l’intervento necessario a mettere in sicurezza la sponda, sollecitando tempi di realizzo brevi. Grazie all’intervento tempestivo del consigliere regionale Stefano Turchet – che ringraziamo per aver compreso subito il problema ed essersi attivato immediatamente -, già venerdì mattina il sopralluogo si è tenuto alla presenza dei tecnici regionali e della concessionaria, gli uffici comunali e la Protezione Civile Regionale”.

Ne è emersa la necessità di procedere con un intervento di risanamento, che il servizio regionale per la difesa del suolo approfondirà nel dettaglio in questi giorni.  “Ci ha lasciato veramente contrariati scoprire – chiosa il vicesindaco Corai – che gli interventi effettuati in passato sono risultati incompleti, in particolare su un tratto della sponda del fiume Fiume in pieno centro cittadino. Non è, purtroppo, nemmeno l’unico esempio di questi anni in cui ci siamo trovati di fronte ad opere fatte in passato su cui oggi bisogna rimettere mano perchè risultate inadeguate o incomplete”.

Condividi l'articolo