Prendeva il reddito di cittadinanza, ma aveva una barca a vela da 11 metri

La scoperta fatta dalla Guardia di finanza di Pordenone.

Per ben 28 mensilità – dal maggio 2019 all’ottobre 2021 – ha percepito il reddito di cittadinanza, introitando, complessivamente, 15.400 euro, pur risultando proprietaria di un’imbarcazione a vela di 11 metri, del valore di 40.000 euro, e di un conto corrente in Austria, con oltre 150.000 euro di liquidità. A scoprilo sono stati i finanzieri del Comando provinciale di Pordenone, pur avvezzi ad indagare su artifizi e raggiri di ogni tipo, sconfina, però, questa volta, nel paradossale.

L’indagine appena conclusa ha riguardato una donna, residente nella provincia del Friuli Occidentale. Le Fiamme Gialle del Gruppo del capoluogo della Destra Tagliamento hanno appurato che la donna aveva presentato una prima istanza di ammissione al reddito di cittadinanza nell’aprile 2019, reiterandola, poi, nel dicembre 2020, nonostante, nemmeno tre mesi prima, avesse ricevuto ed accettato la corposa eredità. 

L’omissione della non trascurabile informazione sul possesso del natante da diporto e dell’ingente capitale liquido ha inficiato l’intero processo di erogazione, con la conseguenza che la posizione della 41enne è stata, quindi, segnalata sia alla Procura della Repubblica di Pordenone – per la violazione della norma penale che sanziona chi richiede, e riceve, il reddito di cittadinanza senza averne i requisiti – che, per l’interruzione della relativa erogazione ed il recupero dell’intero indebito, alla locale direzione dell’INPS.

Condividi l'articolo