Compleanno speciale a Bagnaria Arsa, nonna Bianca spegne 102 candeline

I 102 anni di Bianca Peloi Scozziero.

Festa in famiglia per Bianca Peloi Scozziero, la longeva nonnina che il 29 aprile ha compiuto 102 anni. Classe 1920, undici fratelli di cui lei è la terza, originaria di Aiello del Friuli, da ottant’anni residente a Sevegliano, frazione di Bagnaria Arsa, che fu il paese natale del marito.

Come da tradizione, la giunta comunale, in occasione del compleanno, è andata a farle visita, complimentandosi per la grinta e la lucidità che, nonostante l’età, ancora la accompagno; queste attenzioni la rendono sempre molto felice e piena di gioia. Autonoma ed autosufficiente, vive con il nipote Roberto, di 52 anni, dopo essere rimasta vedova ed aver perso uno dei due figli, Giorgio, venuto a mancare 4 anni fa. “Mia mamma è ancora autonoma e si gestisce ancora bene da sola”, racconta, con orgoglio, Grazia Maria, la figlia settantaseienne che vive a poche centinaia di metri da lei.

“Ama molto cucinare i piatti tipici di ‘una volta’, tipo spezzatino e coniglio in umido, rigorosamente nella sua stufa a legna; ma il suo piatto preferito è senza dubbio la pasta con il ragù. La sera, adora guardare l’Eredita’, in quiz show di Carlo Conti. È da sempre innamorata anche dell’opera lirica, noi le comperiamo i cd e i dvd che sappiamo essere i suoi preferiti, e lei li ascolta tutto il giorno”, prosegue, orgogliosa la figlia.

“Si ricorda ancora di quando la gente, per spostarsi da un paese all’altro, usava la carrozza trainata dai cavalli”. Chiunque si avvicini a Bianca, ne resta sbalordito. È incredibile come, alla sua età, abbia una scorta inesauribile di forza mentale, tenacia, una tempra d’altri tempi. Un secolo di vissuto, di cose ne ha viste e vissute davvero molte. “Ricorda molto nitidamente la seconda guerra mondiale e l’influenza spagnola. Quando ascolta il telegiornale, da due anni a questa parte, le sembra di rivivere purtroppo queste tragedie, sentendo parlare di Covid e della guerra in Ucraina. La storia, purtroppo, sembra ripetersi. Questa è la cosa che più di tutte le crea sconforto”, conclude, consapevole ed orgogliosa di avere una mamma così speciale, la figlia Grazia.

Condividi l'articolo