Pronto il primo Dpcm firmato da Draghi: le nuove regole per il Fvg

Il primo Dpcm firmato da Mario Draghi.

Tra oggi e domani il presidente del Consiglio Mario Draghi firmerà il nuovo Dpcm (il primo del suo mandato) che entrerà in vigore dal 6 marzo e fino al 6 aprile. Il testo contiene i divieti per ogni regione, suddivisi in base alla fascia di colore in cui essa di trova. Le novità per il Friuli Venezia Giulia, che al momento si trova in zona gialla.

Le regole per gli spostamenti.

A prescindere dal colore, è fatto divieto di spostamento tra regioni, salvo per ragioni di salute, lavoro o necessità, fino al 27 marzo. È altresì vietato lo spostamento verso le seconde case in zona rossa o arancione, mentre in zona gialla è consentito solamente se la seconda casa è disabitata.

In zona gialla è inoltre consentito andare a trovare amici e parenti, ma potendosi spostare una sola abitazione al giorno e al massimo in due (più eventuali minori di 14 anni o disabili a carico).

Shopping, bar, ristoranti, attività commerciali.

In zona rossa, arancione e gialla continua ad essere vietato andare al bar o al ristorante dopo le 18. Asporto consentito solamente in zona arancione e gialla, mentre il domicilio è consentito anche in zona rossa.

In zona rossa ancora chiusi i negozi che non prevedono la vendita di beni di prima necessità. Aperti tutti gli esercizi in zona arancione e gialla, tranne nel fine settimana dove chiuderanno i centri commerciali.

Scuole, palestre, piscine.

Le scuole rimangono sempre la parte più delicata di ogni Dpcm. Per esse si da voce sempre al parere del Cts, il quale dice che dovranno stare chiuse sempre in zona rossa, qualunque grado. In zona arancione e gialla prevista la didattica in presenza per le scuole dell’infanzia, le scuole elementari e le scuole medie. Per le scuole superiori la didattica sarà in presenza al 50% e, in alcuni casi, al 75%. Ancora nessuna novità sull’apertura di palestre e piscine: in ogni fascia di colore l’apertura è ancora rimandata.

(Visited 10.223 times, 2 visits today)

Note sull'autore