Addio a Zamberletti padre della ricostruzione in Friuli. Il cordoglio di Gemona e il ricordo del suo impegno durante la tragedia

Il Friuli in lutto per la scomparsa di Zamberletti.

Giuseppe Zamberletti si è spento ieri a Varese, dove era ricoverato da tempo. Un nome a cui tutto il Friuli e Gemona è da sempre legato. In queste ore i messaggi di cordoglio sono numerosi, sia da parte di numerosi politici italiani che da parte di singoli cittadini. Il popolo friulano sta esprimendo particolare vicinanza per la sua scomparsa, ricordato con particolare affetto, a seguito del suo lavoro svolto dopo il terremoto del 1976.

Zamberletti nel 1976 era stato nominato Commissario straordinario per assicurare il coordinamento dei soccorsi, esperienza da lui ripetuta a seguito del terremoto che ha colpito, nel 1980 la Campania e la Basilicata. Nel 1981, incaricato dal presidente della Repubblica Sandro Pertini aveva predisposto le basi della nuova Protezione Civile di cui è stato nominato Ministro per il coordinamento l’anno successivo.  “È il giorno – ricorda la Protezione civile – in cui, in Italia, si è voltato pagina nella gestione delle calamità sul territorio nazionale”.

In uno dei suoi ultimi incontri pubblici tenuto per il quarantennale del sisma, Zamberletti ricordò l’episodio legato ad  una donna sfollata di Gemona, cittadina considerata la capitale del terremoto che ha distrutto il Friuli. La donna gli donò un tappeto su cui aveva ricamato il Castello di Gemona, dicendosi certa che non l’avrebbe più rivisto intatto. Zamberletti le promise che il castello sarebbe risorto e così è stato.

Il sindaco di Gemona, Roberto Revelant lo ricorda così: “Un esempio, un politico da emulare, che ha saputo farsi amare dalla nostra gente come pochi altri. Guardava ancora al futuro, con l’entusiasmo di un giovane ma l’esperienza di una persona saggia e preparata. L’Italia perde un grande uomo.”

Il Friuli piange un pilastro fondamentale della sua ricostruzione e di quello che poi sarebbe diventato il “Modello Friuli” conosciuto e imitato nel mondo in cui il politico credeva fermamente “Il modello Friuli è ripetibile – spiegava Zamberletti – dove non ha funzionato è perché, in qualche parte del percorso, si sono allontanati da quella esperienza, credendo di fare meglio”.

Condividi l'articolo

Be the first to comment on "Addio a Zamberletti padre della ricostruzione in Friuli. Il cordoglio di Gemona e il ricordo del suo impegno durante la tragedia"

Scrivi un commento

Your email address will not be published.


*