Scopre la moglie con l’amante, la trascina in strada e la massacra di botte: arrestato

L’uomo è stato arrestato al rientro in Italia.

Quell’improvviso temporale estivo lo costringe malvolentieri a interrompere il suo lavoro di muratore e a dover fare rientro forzatamente a casa, perdendo la paga di giornata.

Entrato in casa, la trova deserta: pensa che la moglie sia uscita per fare spese, ma qualche gemito arriva dalla camera da letto. E così quel forzato rientro a casa lo mette davanti a una terribile scoperta. Infatti, trova la sua compagna a letto con un altro uomo. Al culmine di un raptus di gelosia la trascina per i capelli in strada, ancora seminuda, le strappa di mano il cellulare per vedere i contatti della moglie e le porta via anche 50 euro. La donna finisce in ospedale e lui abbandona tutti e tutto per rifarsi una nuova vita. Ma rimane il segno di quella violenza inaudita.

I militari del Nucleo Radiomobile di Aurisina, impegnati insieme alle pattuglie dei carabinieri di Villa Opicina e di Basovizza nei controlli di retrovalico, controllano il soggetto. Dopo 14 anni l’uomo stava rientrando in Italia per cercare di fare fortuna, ma la sorte gli ha riservato un destino diverso. Sull’uomo, un cittadino romeno di 44 anni, pende un mandato di cattura. Deve scontare 4 anni e 7 mesi per rapina. Così i militari del Nucleo Radiomobile di Aurisina lo arrestano e, dopo le formalità di rito, lo associano al carcere del Coroneo.

Condividi l'articolo