Tarvisio protagonista nel videoclip del nuovo singolo L’ascensore del paradiso

Il video della canzone “L’ascensore del paradiso”.

E’ stato girato in Friuli il videoclip del nuovo singolo di Erika Giannusa “L’ascensore del paradiso”. Il video è ambientato tra Tarvisio, Laghi di Fusine e Chiesa di Santa Dorotea di Camporosso, proprio a simboleggiare un viaggio verso il Paradiso, in una ambientazione montana e innevata. La regia e sceneggiatura di Erika Giannusa, mentre le riprese e il montaggio è curato da Alberto Ruggiero.

“L’ascensore del paradiso” è la canzone che la cantautrice palermitana dedica al nonno, che non ha mai potuto conoscere, perché stroncato da una malattia rara, ancor prima che Erika nascesse. Il brano descrive l’ opportunità di un viaggio verso il Paradiso, volto a ricongiungersi con il caro defunto, per ristabilire la possibilità di un dialogo che non è mai potuto avvenire. La canzone si articola attraverso il ricordo che l’artista riceve dai suoi familiari, di una immagine del nonno eterea, conservata e preservata nonostante le ombre di una malattia rara che ne potrebbe distorcere la percezione, ma non vi riesce. La canzone è inoltre dedicata a tutte quelle persone che non hanno potuto salutare un loro caro o familare o che addirittura non lo hanno mai potuto conoscere a causa della sua scomparsa prematura, come nel caso della cantautrice.

Erika Giannusa, pianista di formazione classica, cantante lirica e leggera, cantautrice e compositrice. Diplomata con il massimo dei voti e la lode in Pianoforte classico (Laurea di Vecchio Ordinamento) e Composizione (Laurea di I° Livello). E’ già autrice dei singoli “Errore Mondiale” (2021), “Dark stone” (2021), “Migrante” (2021), quest’ ultima canzone candidata alla selezione di Sanremo Giovani 2021, “L’ascensore del paradiso” (2022), editi da Ghiro Records, mostra in ogni suo singolo differenti sfaccettature della sua personalità umana e musicale, proiettandoci in una nuova scoperta musicale da assaporare e svelare ad ogni nuova uscita discografica.

Condividi l'articolo