Il Friuli non dimentica, 80 volontari pronti a partire per aiutare le Marche

La protezione civile del Fvg in aiuto delle zone colpite dall’alluvione nella Marche.

Partirà domenica mattina la colonna della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia alla volta del territorio di Senigallia, nelle Marche, per portare aiuto alle popolazioni colpite dall’alluvione.

A darne notizia, questo pomeriggio, il vicegovernatore con delega alla Protezione civile del Fvg Riccardo Riccardi. La richiesta di disponibilità è giunta nella serata di giovedì dal Dipartimento nazionale di Protezione civile ed è stata immediatamente accolta dalla Pcr della nostra Regione che ha dato quindi avvio alle pratiche per la missione.

Nel ringraziare tutti i volontari di Protezione civile che hanno dato la loro immediata disponibilità per aiutare le comunità colpite dal grave evento emergenziale, l’esponente della Giunta ha sottolineato come il Fvg si dimostri ancora una volta terra che non dimentica la generosità e la solidarietà ricevute nel post terremoto del 1976, donando tempo e mezzi per portare concreto aiuto e sollievo a chi è nella difficoltà.

La colonna sarà composta da una trentina di mezzi. Ottanta i volontari che partiranno per supportare le squadre di Protezione civile già sul campo nelle Marche, per mettere in sicurezza il territorio profondamente ferito dall’alluvione (rimozione detriti e fango, tra le altre attività che impegneranno i nostri volontari). La missione dovrebbe concludersi entro la settimana.

Attualmente sul luogo devastato dall’evento emergenziale operano le squadre di Protezione civile delle Regioni Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Abruzzo.

Condividi l'articolo