Esame di maturità, in Friuli i 2 presidenti di commissione più giovani d’Italia

In Friuli i presidenti di commissione dell’esame di maturità più giovani d’Italia.

Saranno in due scuole del Friuli i presidenti di commissione per l’esame di Maturità più giovani d’Italia.

Anche quest’anno i presidenti saranno gli unici membri esterni. Dai dati ministeriali ufficiali consultabili online nella sezione dedicata agli esami, si trovano i nominativi dei due presidenti più giovani d’Italia, tra l’altro colleghi nella medesima istituzione scolastica, i professori Alex Cistaro (classe ’91) e Andrea Zilli (classe ’90).

I neo presidenti hanno le idee chiare: nelle loro commissioni, ovvero prima Commissione sezione Serale IPSCAR “Stringher” Udine del presidente Cistaro e la prima Commissione IPSIA “A. Candoni” Tolmezzo del presidente Zilli, imposteranno gli esami chiedendo ad ogni candidato di fare un bilancio di questi ultimi mesi dal punto di vista della loro crescita culturale, di spiegare alla commissione come hanno imparato determinati contenuti, come questi hanno agito su di loro come ragazzi e come adolescenti in quest’ultimo triennio di emergenza sanitaria.

Chiederanno di spiegare alla commissione qual è stato il salto di responsabilità costituito dal preparare la maturità, di esporre se hanno lavorato con i propri compagni, se hanno condiviso il sapere, se la classe è stata una comunità per imparare e per apprendere. Verrà anche chiesto se sentono di essere maturati, non perché hanno imparato qualche contenuto in più, ma perché hanno provato ad “imparare a imparare”, in modo diverso. Dovranno riferire soprattutto che cosa se ne faranno di queste conoscenze e del rapporto con la conoscenza che hanno appreso in questi anni di scuola, provando a usare i contenuti e la cultura per dare l’addio alla loro scuola e a cinque anni così densi della loro vita.

Condividi l'articolo