Controlli sul trasporto dei rifiuti nel Goriziano, due sanzioni ai camionisti

I controlli sul trasporto rifiuti nel Goriziano.

Due sanzioni ai camionisti intercettati. È il risultato del servizio coordinato nell’ambito della provincia isontina, volto al controllo del trasporto su strada dei rifiuti, andato in scena nel pomeriggio di ieri grazie all’impegno del Comando provinciale dei carabinieri di Gorizia.

L’attività, disposta dal Comando generale dell’Arma dei Carabinieri nell’ambito di una mirata campagna di controlli inserita nel quadro delle iniziative volte alla prevenzione e alla repressione dell’illecita gestione dei rifiuti, ha visto anche il coinvolgimento dei carabinieri del Centro anticrimine natura e del Nucleo operativo ecologico di Udine.

Nel corso del servizio, che ha visto impegnati una trentina di carabinieri lungo le strade della provincia di Gorizia, sono stati controllati 34 mezzi, perlopiù pesanti, che trasportavano rifiuti, elevando due sanzioni al Codice della Strada, ma senza rilevare irregolarità nell’ambito della gestione dei rifiuti.

Il fenomeno dell’illecita gestione dei rifiuti si realizza anche attraverso il trasporto degli stessi sulla rete stradale nazionale, con l’utilizzo di veicoli che viaggiano dal luogo di produzione al sito di smistamento/riversamento, motivo per il quale il servizio si è svolto prevedendo l’esecuzione di posti di controllo nei pressi di obiettivi ritenuti sensibili sotto il profilo ambientale, con la finalità di verificare l’iscrizione dei trasportatori di rifiuti all’Albo Nazionale Gestori Ambientali ed il possesso del Formulario di Identificazione dei Rifiuti. Tale attività ha permesso di verificare la tracciabilità del flusso dei rifiuti nelle varie fasi del trasporto, dal produttore/detentore al sito di destinazione.

Quella di ieri è stata un’attività sinergica di controllo posta in essere da diversi Reparti dell’Arma, finalizzata alla difesa dell’ambiente, ed in particolare alla prevenzione e alla repressione delle possibili forme di inquinamento derivanti da una impropria gestione dei rifiuti, ed è volta anche alla tutela delle imprese del settore che operano nel rispetto delle norme e della legalità.

Condividi l'articolo