Da Monfalcone a Aquileia i sindaci del litorale uniti per la promozione del territorio

Incontro a Monfalcone tra cinque sindaci del litorale e hinterland.

Scelte, finalità e concretezza. Questi gli elementi che hanno caratterizzato l’incontro di ieri, 2 dicembre, tra i sindaci del littoriale, seduti nuovamente al tavolo di lavoro convocato a Monfalcone dalla sindaca Anna Maria Cisint per avviare la programmazione di azioni concrete e non più le sole intese.

Nell’incontro è stata condivisa la bozza del protocollo che sarà approvata entro una decina di giorni, il tempo che ciascuna giunta approvi l’atto di indirizzo contenete le finalità e le modalità di lavoro contenute nel protocollo. Allo stesso tavolo erano seduti i primi cittadini di Monfalcone, di Muggia, Paolo Polidori, di Duino-Aurisina, Daniela Pallotta, di Aquileia, Emanuele Zorino e di Grado, Claudio Kovatshc.

Il documento condiviso.

Il documento raccoglie prioritariamente le modalità di promozione e sviluppo del territorio, la tutela e valorizzazione dei beni culturali, l’attività di collaborazione tra amministrazioni, sempre nell’ottica dello sviluppo e della prospettiva turistica.

I cinque sindaci hanno individuato gli ambiti di interesse che li lega, quali la laguna, il mare e l’hinterland, ma anche peculiarità precise e tecniche che uniscono le amministrazioni come i dragaggi e la parte demaniale per l’aspetto delle concessioni.

Si parte con i bandi europei sulla cultura.

Si è stabilito di iniziare a lavorare congiuntamente ai bandi europei sulla cultura che usciranno il prossimo 7 dicembre, coordinati da Lucio Gregoretti e Rada Orescanin dell’ufficio Progetti europei del Comune di Monfalcone.

Sempre ieri è stato chiesto un incontro in Regione per affrontare la tematica dei dragaggi che interessato tutti i comuni, coinvolgendo anche le acque interne come per Aquileia e Muggia, oltre che la parte mare. “Lasciamo aperta l’opzione di rivolgersi anche al Ministero sulla scia della sinergia che si è creata con la sottosegretaria Vannia Gava, già direttamente impegnata a seguire la nostra annosa vicenda dell’escavo di Portorosega”, ha commentato Cisint che tiene la regia del progetto, in quanto Comune più grande e attrezzato anche in termini di personale.

Infine, è stato richiesto un incontro con PromoturismoFvg al fine di poter dare risposte coese a di fascia territoriale alle aziende ed imprese del territorio che operano nel settore turistico.

Condividi l'articolo