Profughi dell’Ucraina, Palmanova apre i suoi appartamenti

L’accoglienza dei profughi ucraini a Palmanova.

“Gli appartamenti militari presenti in via Renier sono in condizioni tali da poter accogliere da subito i profughi ucraini. Gli appartamenti di proprietà del Comune sono tutti già utilizzati. Quelli militari nei pressi della stazione e a Jalmicco non sono in buone condizioni e necessiterebbero di interventi che richiedono investimenti e tempi non compatibili con le necessità immediate di accoglienza”. 

Con queste parole il sindaco Giuseppe Tellini descrive, allo stato attuale, le attività di accoglienza per i cittadini ucraini previste a Palmanova. Tra Palmanova, Trivignano Udinese e Gonars, sono stati messi a disposizione da Comuni e cittadini, 21 posti letto, tra Case di riposo e appartamenti privati. “Il fattore tempo è decisivo. Servono alloggi e subito. Serve che il Governo nazionale, così come fatto durante l’emergenza sanitaria, permetta di accelerare le procedure, tuttora molto complesse. Permetta ai Comuni di agire subito, senza dover attendere i tempi tecnici per l’approvazione dei bilanci in Consiglio comunale”, conclude il sindaco Tellini.

Condividi l'articolo