Blitz nei distributori del Friuli, sacche di sangue e sigilli contro il caro benzina

L’iniziativa di CasaPound contro il caro benzina.

Sacche di sangue riempite di un liquido rosso, fiocchetti colorati, volantini di protesta e distributori sigillati. Blitz di CasaPound anche in provincia di Udine contro il prezzo del carburante. Con lo slogan “caro benzina, così uccidete l’Italia” hanno assaltato nella notte diverse pompe di benzina, tra cui quelle di Povoletto e Cerneglons. Hanno sigillato i distributori e attaccato delle finte sacche di sangue, che erano riempite di liquido colorato rosso.

Sul posto, nei distributori di Povoletto e Cerneglons, sono intervenuti i carabinieri della stazione di Remanzacco, guidati dal comandante Maurizio Raimondo, che hanno sequestrato il materiale. Tramite un comunicato CasaPound ha spiegato il senso del loro gesto di protesta: “Ci sembra assurdo che non ci sia stato ancora nessun intervento governativo per calmierare il prezzo del carburante. Ci viene da pensare che il silenzio del governo sia voluto e che non ci sia alcun interesse nel salvaguardare cittadini ed imprese”.

Condividi l'articolo