Aiello non dimentica il suo “vecio”, ecco il monumento dedicato a Bearzot

Ad Aiello un monumento per Enzo Bearzot.

Dopo oltre dieci anni dalla scomparsa, il Friuli Venezia Giulia non dimentica uno dei suoi uomini più amati: stiamo parlando del “vecio”, di Enzo Bearzot, ct della nazionale di calcio campione del mondo 1982. Bearzot, nato a Joannis nel 1927, si trasferì ad Aiello con la famiglia pochi anni dopo, i via Genova Cavalleria.

E proprio ad Aiello domenica 8 maggio verrà inaugurato un momento a lui dedicato, nel cortile del museo della Civiltà contadina. Un solido di 32 facce che rappresenta, inevitabilmente, un pallone da calcio, dove ogni faccia riporta il nome di uno dei campioni di quell’indimenticabile mundial.

Condividi l'articolo