Delle mappe parlanti racconteranno l’anima della Carnia

Mappe parlanti per raccontare l’anima della Carnia

Il progetto Excover – Interreg Italia-Croazia, che si concluderà il 30 giugno 2022, ha avuto lo scopo di far conoscere luoghi capaci di attrarre un turismo sostenibile mettendo in luce le potenzialità del territorio e la ricchezza dell’offerta locale, attraverso il coinvolgimento della gente del posto. 

Il primo passo del progetto è stato la creazione di un immaginario turistico che nasce dalla popolazione stessa: come comunità di montagna della Carnia e Università di Udine, in qualità di referente scientifico, hanno lavorato assieme per fare in modo che la giusta attenzione fosse data ai suggerimenti, indicazioni, risorse delle popolazioni locali, seguendo una metodologia in grado di valorizzare l’ascolto “dal basso” delle comunità coinvolte nel progetto. Il tutto si è tradotto quindi nella realizzazione di un sito web e nella creazione delle mappe parlanti, uno strumento attraverso cui restituire ai turisti lo spirito del luogo.  

La ricchezza delle testimonianze raccolte in Carnia confluirà nella collana “La stanza delle voci” dell’archivio Etnotesti dell’Università di Udine. 

Inoltre, grazie ai contributi delle persone coinvolte, in collaborazione con Promoturismo FVG e con il consorzio Alpi Dolomiti Friulane, verrà proposto in via sperimentale un calendario di esperienze legate al tema della musica, Rotte musicali in Carnia, particolarmente sentito dagli intervistati.

Le altre comunità coinvolte

Oltre alla comunità di montagna della Carnia, con le municipalità di Ovaro, Paularo e Prato Carnico, nove sono i partner territoriali che hanno partecipato al progetto: la contea Lika-Senj con la municipalità di Gospić, la contea di Primorje-Gorski Kotar con la municipalità di Rijeka, la contea di Karlovac in Croazia, il Comune di Rive d’Arcano, il Delta del Po attraverso l’agenzia di sviluppo Delta2000, il Comune di Campobasso, l’ente Parco Naturale Sasso Simone e Simoncello, il Comune di Predappio ed il Gal Montefeltro in Italia. 

Condividi l'articolo