Dal bar agli eventi, ecco cosa rischia chi viene trovato senza green pass

I controlli del green pass e le sanzioni.

Sono state le numerose polemiche da parte dei commercianti relative all’obbligo delle verifiche del Green Pass a spingere il governo, in questi giorni, a richiedere l’impiego delle forze dell’ordine, in particolare modo nella settimana di Ferragosto.

Sotto osservazione saranno diverse attività, come piscine, spettacoli, sagre, centri termali e culturali e sale gioco. Qui l’accesso al chiuso è consentito solo a coloro che dimostrano di essere stati vaccinati, guariti nei gli ultimi sei mesi o negativi al tampone effettuato nelle 48 ore precedenti.

Le sanzioni del green pass.

In caso di irregolarità le forze dell’ordine multeranno sia il cliente e sia il gestore dell’attività dove si è verificata l’infrazione. La multa prevista va da 400 euro a 1.000 euro. Per coloro che falsificano i dati, come la data del tampone, può scattare la denuncia. Il titolare del locale che non esegue i controlli del green pass rischia la multa fino a 1.000 euro. Se viene trovato in flagrante tre volte può essere costretto alla chiusura della sua attività fino a 10 giorni.

Sale giochi, cinema e movida.

Tra i principali luoghi dove le forze dell’ordine effettueranno i controlli troviamo le sale giochi e locali dove spesso non viene rispettato il distanziamento. Cinema e teatri sono nel mirino, compresi quelli all’aperto: gli accertamenti possono avvenire al termine dello spettacolo tramite la verifica della corrispondenza tra il biglietto ed il green pass esibito all’ingresso. Infine, massima allerta per le zone della movida, specialmente nei luoghi delle vacanze, dove la sera il rischio di persone sedute all’interno del locale e senza certificazione è molto elevato.

Condividi l'articolo