Maltrattamenti sui bimbi in un asilo nido di Udine, sospesa la maestra

L’indagine della polizia.

In un asilo nido della provincia di Udine, una maestra è stata inibita temporaneamente all’esercizio dell’attività professionale per maltrattamenti fisici e morali sui bambini.

Gli investigatori della Squadra Mobile della questura tenevano d’occhio la situazione da aprile. Tramite riprese audio e video e diverse testimonianze, avevano appurato che l’insegnante si rivolgeva ai bambini con toni di voce eccessivamente alti, bruschi e aggressivi, talvolta con espressioni denigratorie. Inoltre, i bimbi venivano strattonati e spintonati, portati fino a uno stato di ansia e spesso al pianto.

Le indagini, guidate dal vicequestore Massimiliano Ortolan e sotto il coordinamento della Procura di Udine, avrebbero rivelato anche alcuni episodi di strattonamenti, grida e pizzicotti. In due occasioni due bimbi sarebbero anche stati fatti cadere sui tappetoni: una da altezza adulto, un altro, afferrato per le braccia e lasciato in modo brusco battere la schiena a terra.

La misura del divieto temporaneo dell’esercizio dell’attività di maestra della durata di 8 mesi è stata emessa dal Gip del Tribunale di Udine e notificata il 30 novembre dalla polizia al termine delle indagini, su richiesta del Pm della Procura di Udine.

Condividi l'articolo