Mascherine, scuole e super green pass, Fvg alla prova delle nuove regole

Le nuove direttive di governo dal 10 gennaio.

Con il recente nuovo decreto il governo ha deciso misure volte al contrasto della diffusione del virus Covid-19. A preoccupare, però, i numeri che stanno tornando a salire di coloro che sono risultati infetti alla variante Omicron. Secondo i dati dell’Istituto superiore di sanità si parla infatti del 28,2% dei casi. Per questo motivo sono state pubblicate nella Gazzetta Ufficiale una serie di ulteriori regole inerenti al super Green pass e alle mascherine Ffp2, che entreranno in vigore da oggi, 10 gennaio 2022.

Super Green pass.

Da oggi, 10 gennaio, fino alla fine dello stato di emergenza, sarà obbligatorio essere muniti di super Green pass per entrare in molti luoghi, come musei, piscine, palestre e per svolgere allenamenti di sport di squadra. Come si legge dalla Gazzetta sarà possibile entrare con il certificato verde rafforzato nei centri benessere al chiuso e nei centri termali, salvo che per livelli essenziali di assistenza e attività riabilitative o terapeutiche, nei centri culturali, sociali e ricreativi (esclusi i centri educativi per l’infanzia), nei parchi tematici e di divertimento, in sale gioco, sale bingo e casinò. Il decreto prevede quindi che per accedere in tutti questi luoghi non sia più necessario solo il tampone, ma sarà consentito l’ingresso solo a coloro che hanno ricevuto due dosi di vaccino o sono guariti dal Covid.

Cambiano le regole anche per coloro che devono fare delle visite ai propri cari nelle strutture residenziali, socio-assistenziali, socio-sanitarie e negli hospice. In questi casi, per entrare, sarà necessario avere super Green pass e tampone negativo oppure hanno ricevuto la terza dose.

Terza dose.

Sempre da oggi, sono iniziate anche le somministrazioni della terza dose di vaccino per i ragazzi da 12 ai 15 anni. Per tutti gli altri, poi, sarà possibile ricevere la dose booster dopo 4 mesi.

Mascherine Ffp2.

Nuove misure anche per quanto riguarda i dispositivi di protezione. Fino alla fine dello stato di emergenza infatti sarà obbligatorio indossare le mascherine Ffp2 se si partecipa a spettacoli aperti al pubblico, in spazi aperto o chiusi, nei teatri, sale da concerto, cinema, locali di intrattenimento e musica dal vivo. Obbligo della Ffp2 anche per gli eventi e le competizioni sportive, all’aperto e al chiuso. Sempre in questo caso è anche vietato consumare cibi e bevande. Stando sempre a quanto pubblicato dalla Gazzetta, la mascherina Ffp2 sarà obbligatoria anche a bordo dei mezzi pubblici.

Scuola.

Importanti novità anche per quanto riguarda il mondo scolastico. Secondo quanto riportato nel decreto legge, saranno infatti fornite a tutte le istituzioni educative, scolastiche e universitarie, le mascherine Ffp2 o Ffp3. Nello specifico nella Gazzetta si legge che sarà il commissario il commissario a provvedere alla fornitura delle mascherina “al personale preposto alle attività scolastiche e didattiche nei servizi educativi per l’infanzia, nelle scuole dell’infanzia e nelle scuole di ogni ordine e grado, dove sono presenti bambini e alunni esonerati dall’obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie”.

Quarantena.

Nuove regole anche nel caso di quarantena per contagi covid nelle classi. Nelle scuole materne, ad esempio, si parla di una sospensione di 10 giorni. Discorso diverso invece per le elementari. Nella situazione in cui si dovesse registrare un caso di contagio, si applica la sorveglianza: un tampone al primo e al quinto giorno rispetto a quando si è scoperto il caso. Se si dovessero presentare due casi, invece, si passa direttamente alle lezioni a distanza per 10 giorni.

Disposizioni più specifiche sono state previste per le scuole medie e superiori, dove appunto sono previste tre scenari possibili. Per un solo caso di positività, le lezioni saranno sempre in presenza, ma vengono applicate le modalità dell’autosorveglianza, con obbligo di mascherine Ffp2. Per due casi di positività, continuerà ad andare a scuola chi ha ricevuto la dose booster o chi è guarito da meno di quattro mesi. Tutti gli altri, non vaccinati e i vaccinati e guariti da più di 120 giorni, seguiranno le lezioni in Dad. Gli alunni resteranno a casa fino a 10 giorni, nel caso di tre positivi.

Gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado potranno effettuare i test gratuitamente. I ragazzi infatti dovranno fare, fino alla fine febbraio, l’autosorveglianza, il nuovo provvedimento di governo relativo alle regole sulla quarantena. L’autosorveglianza si distingue nel caso di un asintomatico e sintomatico. Nel caso di assenza di sintomi il periodo di autosorveglianza è di cinque giorni, durante il quale è obbligatorio indossare la Ffp2 per almeno 10 giorni. Se invece sono presenti i sintomi del contagio, sarà necessario sottoporsi al test appena rilevati i sintomi e al quinto giorno da quando si è entrati in contatto con il positivo.

(Visited 927 times, 1 visits today)
Autore: Jeena Cucciniello

Note sull'autore