La sope furlane (zuppa friulana), per mantenersi carichi di energie

Le origini della ricetta.

Nel gergo moderno, invece che parlare di zuppa o minestra, si preferiscono usare termini diversi, come vellutata o crema. Il termine zuppa, difatti, ha origini molto antiche, si pensa che risalga ai primi anni del 1600 e voleva intendere la fetta di pane inzuppata nel brodo, solitamente composto da legumi e verdure.

Il pane raffermo assorbiva il contenuto del piatto, andando a rendere più cremoso il brodo. In quegli anni inoltre, il Friuli era conteso da due forze dominanti: la Repubblica di Venezia e il mondo germanico.

Trovandosi in mezzo a questo conflitto di interessi, la nostra gente ha saputo trarre il lato positivo di entrambe le influenze: da un lato, la tipologia di piatto tipica della cultura tedesca, dall’altro lato, le spezie che i mercati veneziani riuscivano ad importare dall’Oriente.

Grazie a queste importanti influenze, le famiglie del Friuli poterono iniziare ad inventare nuovi piatti o ad arricchire di nuovi sapori quelli che ormai facevano parte della tradizione.

Ecco che così la zuppa entra nella cultura friulana, cambiando di zona in zona in base alle influenze esterne, riuscendo comunque a mantenere un gusto irrinunciabile e unico.

Gli ingredienti.

Ecco gli ingredienti principali:

  • 60 grammi di burro
  • 3 cucchiai di olio
  • mezza cipolla tritata
  • 3 coste di sedano
  • 250 grammi di pane raffermo a fette
  • 2 cucchiai a persona di formaggio latteria vecchio grattugiato
  • sale

La ricetta.

Nel burro e nell’olio, fate appassire a fuoco lentissimo la cipolla, in modo che non diventi troppo scura. Aggiungete le coste del sedano, ben pulite e tagliate a fettine sottili.

Bagnate con un litro e mezzo di acqua bollente, salate e lasciate cuocere a fuoco moderato per almeno 2 ore. Disponete, al termine della cottura, nelle scodelle, le fette di pane e versateci sopra il formaggio e il brodo di sedani caldissimo.

Coprite immediatamente la scodella con un altro piatto rovesciato. Suggerimento: servite dopo 5 minuti.

(Visited 3.301 times, 1 visits today)

Note sull'autore