Navarria dà la stoccata agli Europei, è bronzo per la schermitrice friulana

Il bronzo di scherma per il Friuli.

Il Friuli Venezia Giulia dà la stoccata e si porta a casa la medaglia di bronzo di Mara Navarria. L’atleta ne aveva già molti di riconoscimenti, ma le mancava proprio una medaglia individuale agli Europei. E il palmares diventa sempre più corposo per la spadista di Carlino che sabato 18 giugno si conquista il terzo posto ad Antalya.

L’atleta friulana è salita sul terzo gradino del podio al termine di una gara disputata con grande sicurezza che si è interrotta solo in semifinale per mano di un’altra azzurra, Rossella Fiamingo. Il match che consegnava la possibilità di giocarsi il titolo europeo è stato molto tattico e si è risolto solamente al minuto supplementare con la siciliana che è ha messo a segno la stoccata decisiva: 7-6 il punteggio finale. Il titolo è andato a una outsider, l’ucraina Vlada Kharkova, incontenibile durante tutta la giornata, finale compresa, terminata con il punteggio di 15-10 su Rossella Fiamingo. Sul terzo gradino del podio assieme a Mara Navarria è salita anche la polacca Martyna Swatowska Wenglarczyk.

Le parole di Mara Navarria.

“Con questa gara ho dimostrato che la scherma è composta da un aspetto fisico, uno tecnico e uno mentale”, così ha commentato la sua conquista del terzo posto, Mara Navarria. “Dal punto di vista fisico e tecnico non posso essere al 100% dopo l’operazione al ginocchio di inizio stagione. È stata una gara gestita bene mentalmente. Sono contenta di essere qui e lo devo alla fiducia del CT Dario Chiadò e al lavoro fatto con il mio team che è stato particolarmente intenso, perchè mai avevo dovuto recuperare da un intervento chirurgico. Dopo l’operazione mi ero data come obiettivo proprio l’Europeo”. Immancabili poi i ringraziamenti: “La dedica va a mio papà che è stato con me e mi ha sostenuto nei due giorni passati in ospedale. E ovviamente a tutta la mia famiglia”.

Ma per Navarria la sfida non finisce qui, tornerà in pedana per la prova a squadre martedì. E non c’è dubbio, tutti gli occhi della regione Friuli sono puntati su di lei.

Condividi l'articolo