Gran finale per il progetto “Cura, curae” con un extra speciale a Feletto

Gran finale per il progetto “Cura, curae”

Si avvia alla conclusione il progetto di rete “Cura, curae: destinazioni di cura“, promosso dall’associazione udinese Teatro del Silenzio in sinergia con varie realtà territoriali. Il prossimo appuntamento è domenica 10 marzo, a Tissano di Santa Maria la Longa, dove, a Villa Mauroner, in occasione del carnevale, che animerà le vie del paese con la tradizionale sfilata dei carri, si potranno visitare due mostre, frutto di altrettanti laboratori svoltisi, proprio in villa, nelle scorse settimane. Si tratta di una rassegna che ha per protagoniste le maschere dalla commedia dell’arte, universalmente riconosciuta come patrimonio culturale esportato dall’Italia in tutto il mondo: per l’intera giornata saranno esposte le maschere tradizionali, da Arlecchino a Pantalone, e quelle di nuova invenzione, creazioni artigianali dei mascherai dell’associazione BRAT, che daranno una dimostrazione pratica di come si costruisce una maschera in cuoio. La seconda esposizione, a cura del fotografo Alessandro Ruzzier, si focalizzerà, invece, sugli stereotipi di genere.

Nel mese di marzo, inoltre, “Cura, curae” proporrà anche un laboratorio di movimento circense, a Feletto Umberto, nella palestra utilizzata dell’associazione Circo all’inCirca, in via Perugia 1. Sarà proposto un approccio all’acrobatica singola e di coppia, in un percorso capace di favorire il lavoro sulla corporeità personale e di gruppo. Condurrà gli incontri, in programma il 12, 19 e 26 marzo e 2 aprile (in tutti i casi dalle 10 alle 11), Chiara Giacomello.

Condividi l'articolo