Al via la demolizione dell’ex caserma Piave di Udine, al suo posto un grande polmone verde

I lavori all’ex caserma Piave di Udine.

Al via i lavori per la riqualificazione nell’area dell’ex Caserma Piave di Udine. il progetto prevede la demolizione degli edifici fatiscenti e pericolosi, l’eventuale bonifica dell’area laddove venissero individuati siti inquinanti e la successiva realizzazione di un grande polmone verde in città.

Nei giorni scorsi sono iniziati gli interventi della prima fase, che prevedono la demolizione di un blocco consistente di fabbricati. “I lavori rispondono anche a una logica di sicurezza pubblica e decoro – spiega il vicesindaco di Udine Loris Michelini – . Capita che alcune persone senza fissa dimora scavalchino i muri delle palazzine per trascorrere la notte nell’area dell’ex caserma. Al netto di considerazioni di carattere sociale, ricordo che quei muri sono pericolanti: i lavori per abbatterli servono anche a togliere elementi di potenziale pericolo. Il quadro economico del primo lotto dei lavori è di 780mila euro, l’opera dovrebbe essere portata a termine in 120 giorni”.

“Il secondo lotto vale 2,6 milioni di euro e consiste nel completamento del bosco urbano, oltre che nella definitiva demolizione degli edifici – spiega ancora Michelini – . Questi lavori, attesi da anni a Udine, consentiranno di togliere dal volto della città vecchi ruderi per sostituirli con un’area verde a disposizione della comunità. Nel complesso, parliamo di un’opera da circa tre milioni e mezzo di euro”. 

Condividi l'articolo