Fontanini vede un’Udine sempre più verde: alberi, piste ciclabili e turismo slow

I dati del sindaco di Udine Fontanini.

“Ambiente, innovazione, sviluppo economico. Tre temi irrinunciabili e prioritari nella nostra agenda politica. Nelle ultime settimane, passi in avanti molto significativi sono stati compiuti sia sotto il profilo del risparmio energetico, che dal punto di vista della creazione di energia da fonti rinnovabili. In questo contesto, ricordo che questa amministrazione è prossima alla sottoscrizione del primo contratto di fiume in regione, strumento di programmazione strategica per il perseguimento della tutela, della corretta gestione delle risorse idriche e della valorizzazione dei territori fluviali, unitamente alla salvaguardia dal rischio idraulico”.

Gli interventi

Così Pietro Fontanini, sindaco di Udine, nel sottolineare che “stiamo inserendo nuove, preziose tessere nel mosaico green che stiamo componendo a Udine. La creazione di polmoni verdi nel quartiere Aurora e nell’area dell’ex caserma Piave, i risultati molto lusinghieri certificati da Legambiente rispetto alla raccolta differenziata (che sorvola quota 70%), il potenziamento delle piste ciclabili, la valorizzazione del turismo slow sono obiettivi del nostro programma che stiamo centrando e che proiettano Udine verso una dimensione sempre più moderna. Accanto a questi obiettivi, che perseguiamo dall’inizio del mandato, ci sono aspetti divenuti di estrema attualità legati al risparmio energetico: ricordo che Udine è in prima fila nel supportare il tessuto produttivo nella creazione delle Comunità energetiche rinnovabili, il cui obiettivo è sostituire il gas e, in generale, le fonti energetiche fossili, con acqua, biomasse, pannelli fotovoltaici e fonti rinnovabili”. 

Il sindaco conclude: “Sin dal mio insediamento, ho spinto con convinzione sulla svolta green e ambientale della città: oggi, come vediamo, ambiente ed economia viaggiano di pari passo. Come istituzioni è nostro dovere sostenere progetti finalizzati a creare energia attingendo risorse da fonti rinnovabili e già presenti sul nostro territorio”. 

Condividi l'articolo