Il nuovo Consiglio comunale dei ragazzi di Bagnaria Arsa, priorità al riuso e agli animali abbandonati

Insediato il nuovo Consiglio comunale dei ragazzi di Bagnaria Arsa.

Grazie alla stretta collaborazione tra il Comune di Bagnaria Arsa, la Scuola primaria Margherita Hack, facente parte dell’Istituto comprensivo di Gonars, genitori e educatori della Cooperativa sociale Itaca, è ripartito il Consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze di Bagnaria Arsa. Il progetto è attivo da quattro anni e vuole essere non solo una palestra di cittadinanza attiva per i bambini e le bambine delle classi quarte e quinte della primaria, ma anche un’occasione per conoscere più da vicino le istituzioni e avvicinarsi ad esse, apprenderne i meccanismi democratici, consultivi e decisionali, oltre che un’opportunità per elaborare proposte e progetti utili per tutta la comunità, pensati dal punto di vista dei bambini.

Il primo incontro in presenza si è svolto sabato 12 febbraio nel Municipio bagnarese con la prima seduta del neo insediato CCRR, ad accogliere il nuovo Consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze nella sala consiliare la sindaca Elisa Pizzamiglio e l’assessora alla cultura Giulia Furlan, che ha dato il benvenuto da parte dell’Amministrazione comunale alla nuova giunta eletta lo scorso 27 gennaio, composta dalla giovane sindaca Letizia Zoff della classe 5B, dal vicesindaco Emanuele Normani della classe 5A, dagli assessori Camilla Marzucchi della classe 5B, Sofia Abetini della classe 5A, Marco Olivo della classe 4^, Lucrezia Clara Dose, Riccardo Fornasaris e Giulia Buccino tutti della classe 5A.

Sono già molteplici le progettualità in cantiere per i prossimi mesi, anche in continuità con il lavoro del Consiglio precedente. E c’è un sottile filo giallo che lega tutti i CCRR che si sono susseguiti in questi anni a Bagnaria Arsa con quello di Fiumicello, chiamato il Governo dei Giovani. Quel filo giallo è Giulio Regeni, e i bambini e le bambine bagnaresi desiderano fortemente continuare a mantenere quel legame e dimostrare la loro vicinanza e affetto ai suoi genitori, Paola Deffendi e Claudio Regeni.

Una sensibilità che si lega a quella dimostrata dall’Amministrazione comunale di Bagnaria Arsa, che fin dal 2017 intitola a Giulio l’annuale borsa di studio assegnata a studenti meritevoli, la cui consegna avverrà nei prossimi mesi. La Borsa di Studio Regeni nasce per facilitare e incentivare l’accesso agli studi universitari, e si rivolge agli studenti residenti nel comune che, ottenuto il diploma della scuola media superiore, si iscrivano ad un corso di laurea universitario.

Tra le priorità del nuovo CCRR per aprile la volontà di unire il tema del riciclo e del riuso (a breve sarà completato il Centro del riuso di Bagnaria Arsa) all’attenzione verso il prossimo: l’idea dei bambini, collegandosi a realtà che potrebbero essere la Croce Rossa o la Caritas, è dare nuova vita a oggetti relegati nelle cantine delle case e non più utilizzati, che potrebbero diventare utili per altre persone. Ancora, l’attenzione agli animali abbandonati, in particolare i cani, con attività in fase di studio che potrebbero partire da una conoscenza diretta e più approfondita del canile Made in Friuli di Porpetto, fino a stimolare azioni per l’adozione di animali abbandonati.

Condividi l'articolo