Parrucchiera abusiva scoperta grazie ad uno sconto rifiutato

Dai controlli si è scoperto che la parrucchiera era abusiva.

Chiama la polizia perché la parrucchiera non le ha fatto lo sconto, ma si scopre che l’attività era abusiva. Il curioso fatto è avvenuto a Pordenone in viale Martelli.

Una donna aveva allestito nella sua abitazione un negozio di parrucchiera senza le relative autorizzazioni. A permettere le scoperta è stata una sua cliente che non contenta di non aver ricevuto uno sconto per il taglio dei capelli ha allertato le forze dell’ordine.

La polizia dopo ulteriori accertamenti ha scoperto che l’attività era abusiva, nonostante la 35enne avesse tentato di giustificarsi dicendo che in quel luogo facesse solamente le treccine per i conoscenti. Per la donna è scattato il divieto e la chiusura dell’attività e una multa di oltre tremila euro.

Condividi l'articolo