L’agriturismo Ronchi Rò si allarga con una nuova cantina biologia nel Collio

La cantina Ronchi Rò.

Vi sono luoghi che colpiscono per la sola bellezza ed altri che oltre alla bellezza si insinuano nella memoria per l’esperienza che riescono a trasmettere. Uno di questi è Ronchi Rò. Ronchi Rò è una tenuta-agriturismo immersa nel verde, tra le ondulate colline del Collio e i suoi boschi lussureggianti, una terra di confine affascinante e fiabesca, famosa per i suoi straordinari vini che, attraverso i vigneti, dipingono una geografia antica e unica al mondo.

L’agriturismo, un casolare in pietra completamente ristrutturato, si sviluppa in questo angolo al confine con la Slovenia, a Dolegna del Collio, a un’ora da Trieste e pochi minuti da Cividale del Friuli. La struttura offre un delizioso ristorante fine dining e 5 camere, circondate da 2 ettari di vigneto a 150 metri slm e tanta, tanta natura. Ronchi Rò è sia punto di partenza che di arrivo per innumerevoli esplorazioni, attraverso una terra di confine dove mare, colline e montagne si fondono all’interno di un unico sguardo. Tanti luoghi da scoprire ed esperienze da provare, consapevoli del calore e del comfort che Ronchi Rò saprà offrire, per dare accoglienza alle emozioni.

La filosofia

Ronchi Rò vuole essere un piccolo universo di esperienze; oltre ad essere un agriturismo, un ristorante e un’azienda vinicola, è il luogo da cui partire per scoprire il territorio, immersi in una tranquillità avvolgente, circondati da bellezza che incanta, quasi in una favola. La volontà dell’azienda è di trasmettere agli ospiti la ricchezza, la storia e le diversità dei luoghi che ospitano l’agriturismo; rendere la visita a Ronchi Rò un’esperienza da ricordare e da voler ripetere. Il tutto attraverso ingredienti fondamentali come cura, passione per il territorio e senso di ospitalità.

“Benvenuti nel Collio e in Friuli Venezia Giulia” e “Come posso aiutarla?” sono le frasi che sentirete al vostro arrivo, un benvenuto da cui traspare la filosofia del luogo e del suo staff: “Vogliamo accompagnare gli ospiti attraverso le esperienze che noi e il nostro territorio offriamo, prenderli per mano e far scoprire loro questa terra straordinaria”, racconta Fares Issa, il “manager-chef-ingegnere” siriano che da poco più un anno porta avanti questo progetto, anzi tanti progetti, che costituiscono l’universo di Ronchi Rò. “Il nostro sogno è creare una rete con tutto ciò che offre il territorio, dare suono e colore al silenzio, trasmettere all’avventore la voce del Collio”, racconta Fares Issa. Apicoltura, massaggi, passeggiate a cavallo, foraging, tutte attività proposte in collaborazione con aziende partner selezionate con cura e con cui Ronchi Rò ha stretto un forte legame.

La produzione di vino

I vini del Collio sono sicuramente una delle massime attrazioni del territorio. D’altronde i vini friulani, i bianchi in particolare, sono tra i più straordinari del pianeta. Eleganza, pienezza, carattere che nascono da un terroir unico nel suo genere grazie alla presenza della Ponca. Ovvero quella particolare conformazione rocciosa che, alternando strati di arenaria e marna, crea un perfetto equilibrio in grado di regolare la disponibilità idrica della pianta mettendola nella condizione di produrre basse rese e vini di grande qualità dalle spiccate caratteristiche di mineralità e sapidità.

Per questo la vigna che abbraccia l’agriturismo – che presto arriverà a due ettari – è stata rimessa in produzione e convertita al biologico, per offrire agli ospiti il suo frutto. Ma non solo. La produzione di Ronchi Rò è molto piccola, e così vuole restare, mentre l’obiettivo più ambizioso è di far assaggiare il Collio intero promuovendo un circuito tra le aziende del territorio. “Siamo aperti ad ogni forma di collaborazione per creare un’attrazione che possa far diventare il Collio ancor più bello, conosciuto ed ospitale”, racconta Fares.

Così nasce il progetto “il cerchio rosso”, con l’idea di portare tutte le etichette del Collio Doc in degustazione a Ronchi Rò. Circa 700 bottiglie per 130 aziende, in carta al ristorante e in mescita a rotazione ma anche protagoniste di un progetto di comunicazione e sviluppo del territorio che vuole proporre le etichette del Collio da un lato e valorizzare dall’altro le visite in azienda e il link diretto con i produttori.

Condividi l'articolo