La bolletta passa da 45mila a 173mila euro: la friulana Eurolls congela gli investimenti

L’allarme della friulana Eurolls.

Eurolls, azienda con sede ad Attimis ed una delle diverse filiali produttive a Villa Santina, lancia l’allarme: “Congelati tutti gli investimenti in programma per gli stabilimenti italiani a causa del caro energia”.

A dirlo, l’amministratore Renato Railz. Eurolls, impegnata nella costruzioni di rulli, cavi e tubi, con core business nei trattamenti, rivestimenti e  componenti in metallo duro e diamantati, registra, nel solo mese di luglio appena trascorso, solo per lo stabilimento cornico di Villa Santina, una bolletta per il consumo dell’energia elettrica,  pari a 173mila euro, rispetto ai 45mila euro del luglio dello scorso anno. 

‘Stiamo parlando di cifre non più gestibili e livelli record, per una situazione che si presenta insostenibile – spiega Railz – così facendo siamo costretti a bloccare gli investimenti almeno in Italia’.  Eurolls occupa circa 150 dipendenti e fattura 60 milioni all’anno. 

Condividi l'articolo