Bonifica truffa nella laguna di Marano e Grado, tutti assolti

La decisione della Corte di Appello.

Si chiude con l’assoluzione la vicenda del disinquinamento della laguna di Marano e di Grado. A prendere la decisione nei confronti di Maria Teresa Brotto è stata la Corte di Appello di Roma, ex direttore del Consorzio Venezia Nuova e presidente di Thetis.

Secondo l’accusa Maria Teresa Brotto, Silvestro e Raffaele Greco e la dirigente dell’Arpa Marta Piazzotta avrebbero ingigantito l’emergenza ambientale nella laguna di Grado e di Marano allo scopo di ottenere più soldi dal governo. Da ciò era derivata l’accusa da parte della Procura di Udine per truffa e falso.

A gennaio 2018 il Gupi del tribunale di Roma aveva disposto l’archiviazione delle accuse più importanti e ora con la decisione della Corte di Appello anche le altre ipotesi di accusa sono cadute nei confronti della Brotto.

Condividi l'articolo