Lignano piange il suo ex vicesindaco, è scomparso Luciano D’Agostini

La morte dell’ex vicesindaco di Lignano Luciano D’Agostini.

Lignano Sabbiadoro perde un pezzo della sua storia recente. È scomparso a 83 anni, compiuti lo scorso novembre, Luciano D’Agostini. Se ne va un esponente di spicco della politica locale, capace di ricoprire la carica di vicesindaco in seno alla Giunta Meroi tra il 1985 e il 1990. È stato, nel corso della medesima legislatura, anche assessore a Commercio, Agricoltura e Vigilanza urbana.

Udinese di origine, si era trasferito a Lignano fin da giovane per lavorare come segretario d’azienda in alcune imprese locali. A metà anni Settanta il debutto in politica, nelle fila della Democrazia Cristiana, di cui è stato anche segretario. Il suo impegno, negli anni in cui Lignano stava crescendo sotto il profilo turistico, ha contribuito alla crescita del centro balneare friulano. Negli anni Novanta è stato assessore anche nella giunta Barberis, occupandosi di Pubblica istruzione, Cultura, Tempo libero e assistenza. Con le sue capacità di mediazione, ha saputo essere un interlocutore di grande spessore con Regione e Provincia di Udine.

Se n’è andato vinto da una malattia contro la quale ha lottato con forza e dignità. “Luciano D’Agostini – ricorda il sindaco di Lignano, Luca Fanotto – è stato per tanti un punto di riferimento della politica e dell’amministrazione lignanese. Io stesso, seppur a distanza di anni dal concreto impegno istituzionale di Luciano, ho potuto nel corso della mia esperienza amministrativa apprezzarne il coraggio, la lucidità, la grande sensibilità e il supporto che è riuscito a dimostrarmi. Una persona integerrima, tutta di un pezzo. Inquadrata, seria, preparata e responsabile. Amante della cultura e del ragionamento sottile e originale che lascia un altro vuoto incolmabile all’interno della nostra comunità”.

Condividi l'articolo