L’inceneritore di Manzano fa ancora discutere: “Serve una soluzione condivisa”

Preoccupazioni per l’ampliamento dell’inceneritore di Manzano.

Preoccupazioni per l’ampliamento dell’inceneritore di Manzano, ma la Regione vuole trovare un punto d’incontro con i vertici dell’azienda che gestisce il servizio. “Auspico che, quanto prima, ci possa essere un incontro con i vertici dell’azienda al fine di verificare che le loro richieste siano in linea con la nostra idea di sviluppo sostenibile regionale e con le esigenze espresse dalla cittadinanza e dalle amministrazioni locali”.

Lo ha detto l’assessore regionale all’Ambiente Fabio Scoccimarro nel corso dell’audizione in IV Commissione consiliare sulla petizione riguardante l’opposizione alla richiesta di ampliamento dell’inceneritore di Manzano, attualmente sospesa. L’esponente dell’esecutivo Fedriga ha dapprima specificato la filosofia della Regione in tema ambientale. “Sin dal nostro insediamento – ha detto Scoccimarro – ci siamo posti l’obiettivo di consegnare, a fine del mandato, un Friuli Venezia Giulia più verde“.

Per quanto riguarda l’impianto di Manzano, Scoccimarro ha ricordato che “l’attività – al pari della Ferriera – risulta a nostro parere fortemente impattante sulla popolazione ma che, secondo le verifiche dell’Arpa, rientra nelle norme di legge. Il nostro obiettivo è quello di instaurare un nuovo canale di dialogo con i vertici dell’azienda per capire come intendano muoversi rispetto ai programmi ambientali che la Regione intende portare avanti. L’auspicio è infatti quello di trovare un punto di incontro tra le esigenze della società che sta gestendo l’inceneritore di Manzano e quelle espresse dalla popolazione del luogo”.

Infine Scoccimarro ha avanzato anche altre due proposte. “All’Arpa – ha detto l’assessore regionale – chiederò ulteriori controlli ambientali nella zona ed un focus specifico anche nei comuni vicini. Parallelamente, si potrebbe chiedere agli esperti della sanità di avviare uno studio epidemiologico sulla salute della popolazione locale, al fine di verificare quale sia l’impatto dell’attività industriale in questa area del Friuli Venezia Giulia”. Sempre in audizione è stato presentato il progetto di legge recante le “disposizioni per la promozione di iniziative e azioni positive volte alla limitazione di emissioni di CO2 da fonti fossili e al riscaldamento globale antropogenico”, d’iniziativa del consigliere Furio Honsell. Su questo provvedimento, l’assessore Scoccimarro ha espresso una condivisione nel titolo e negli obiettivi proposti, chiedendo al relatore una condivisione piu ampia oltre ad approfondimenti con gli uffici.

(Visited 158 times, 1 visits today)

Note sull'autore