Un lungo applauso accompagna l’ultimo viaggio dell’agente Tuscano, morto sull’autostrada A23

I funerali di Maurizio Tuscano morto in autostrada.

Una folla commossa era presente stamattina nella Cattedrale di Udine per i funerali solenni dell’assistente capo coordinatore della polizia di Stato Maurizio Tuscano, rimasto ucciso all’etá di 58 anni l’11 dicembre mentre era in servizio sull’A23, tra Udine Nord e Gemona. Alla cerimonia funebre officiata da monsignor Guido Genero, coadiuvato dal cappellano della polizia di Stato don Olivo Bottos, hanno preso parte insieme ai familiari, colleghi, amici e le autorità civili e militari, il capo della polizia Lamberto Giannini accompagnato dal questore di Udine Manuela De Bernardin.

Durante la funzione religiosa ci sono stati momenti molto toccanti con la lettura della preghiera a San Michele Arcangelo, della lettera a nome del V nucleo del 118esimo corso allievi agenti di Alessandria. Commozione per le parole di ricordo pronunciate dal collega di pattuglia di Maurizio, il vice ispettore Mauro Larcher, e dal figlio di Maurizio, Mattia. Al termine della cerimonia un lungo applauso ha salutato il feretro portato a spalla dai colleghi di Maurizio.

Condividi l'articolo