Filo diretto a Buttrio tra residenti e polizia locale, una app contro i reati

L’innovativa app a Buttrio per la prevenzione dei reati.

Come difendersi da truffe, raggiri, furti? E come segnalare in tempo reale disservizi, criticità, pericoli? Se ne parlerà a Buttrio il 16 novembre alle 18.30, al Palafeste, con il comandante della polizia locale Fabiano Gallizia. All’incontro verranno presentati il regolamento di polizia urbana, già trasmesso ai cittadini, e la nuova app “SafeCity”. Saranno presenti il sindaco di Buttrio, Eliano Bassi, il vicesindaco Paolo Clemente, il presidente della Comunità Friuli Orientale e sindaco di Moimacco, Enrico Basaldella.

“È importante portare a conoscenza le nuove norme di polizia urbana, perché regolano la vita quotidiana della nostra comunità”, spiega Gallizia. Ai nuclei familiari dei sette comuni della Comunità del Friuli Orientale (ex Uti), infatti, è stato spedito il regolamento polizia urbana con notizie e avvisi utili su come evitare truffe, soprattutto alle persone anziane. Grazie all’app “SafeCity”, inoltre, tutte le segnalazioni in merito a sinistri stradali, viabilità, pericoli vari (dal cane abbandonato al cartello stradale da sostituire) potranno essere fatte usando un canale diretto con i vigili urbani. Una volta scaricata l’app bisogna iscriversi per essere riconoscibili e poter rendere pubbliche le foto inviate dal mittente; le segnalazioni arrivano alle centrali operativeche ne verificano la veridicità, valutano la gravità del problema ed eventualmente intervengono per risolverlo. “I cittadini ora si limitano a pubblicare le segnalazioni sui social, dimenticandosi il passaggio fondamentale: contattare noi“. 

Primo comune della Comunità a presentare la novità, Buttrio possiede quindi un nuovo strumento, semplice e intuitivo. “I cittadini, d’altronde, sono le antenne di ciò che accade in paese; ben vengano, quindi, le segnalazioni, se fatte al destinatario giusto. È il canale più corretto – commenta il sindaco Bassi –, inutile favorire il pettegolezzo sui gruppi social, amplificando la notizia senza un vero fine; qui si va al dunque e il problema viene preso in carico da chi di dovere. Io ringrazio sempre per le segnalazioni che pervengono, ma poi esse continuano il loro percorso perché devono arrivare alle sedi opportune“.

Dal rifiuto abbandonato allo sconosciuto che si aggira con fare sospetto, da oggi tutti questi casi potranno essere comunicati direttamente alla polizia locale grazie a “SafeCity”. E gli anziani? “Continueranno ad utilizzare i comuni canali, ma molti sono “informatizzati” – afferma il sindaco – e siamo sicuri che apprezzeranno la proposta”.

Condividi l'articolo