“Non toccate i cuccioli di capriolo”, l’appello di Federcaccia

L’appello di Federcaccia Udine sui cuccioli di capriolo.

All’insegna del consueto “Se mi vuoi bene, non mi toccare!”, il servizio di vigilanza Federcaccia Udine rilancio il messaggio a tutela dei cuccioli di capriolo. A volte, e per poco tempo, solo apparentemente abbandonati, avverte Salvatore Salerno, coordinatore del servizio. “A maggio e giugno – spiega – nascono i piccoli e, come ogni anno, sono necessarie alcune raccomandazione ai cittadini in modo da tutelare questi animali belli e delicati”.

L’uomo agisce in buona fede, ma spesso sbaglia. Perché interferisce in una situazione del tutto naturale come quella di un piccolo lontano dalla madre. Federacaccia, con questa campagna di sensibilizzazione, punta a informare. Le femmine di capriolo, fa sapere l’associazione, partoriscono generalmente due piccoli. Nelle prime settimane di vita ogni cucciolo viene accuratamente nascosto dalla madre in mezzo all’erba alta per difenderlo dai predatori, uomini compresi. E lì rimane immobile fino al ritorno della madre, che si è allontanata per nutrirsi. “La sopravvivenza dei piccoli di capriolo – sottolinea Salerno – dipende quindi da queste particolari strategie antipredatorie. Mentre la madre bruca, non troppo lontano, i piccoli non vanno prelevati. Significa condannarli a morte perché, anche in caso di sopravvivenza, non potranno mai più vivere da capriolo”.

Altrettanta cura devono avere agricoltori o chi a vario titolo falcia erba o fieno. “Prima di queste attività – prosegue l’agente – sarebbe opportuno percorrere a piedi in particolare i bordi dei campi in modo per verificare che non siano presenti piccoli. Nel caso in cui vengano rinvenuti, e qualora non sia possibile rimandare l’attività di qualche giorno, questi animaletti possono essere raccolti delicatamente con guanti adeguatamente strofinati su erba e terra e spostati di pochi metri in un luogo sicuro”. Infine, rimarca Salerno, “non si devono né inseguire né catturare cuccioli che appaiano visibilmente feriti. Sempre meglio contattare gli esperti. Seguire queste semplici indicazioni, può salvare la vita a tanti cuccioli”.

(Visited 70 times, 1 visits today)

About the Author