Lis aganis no rispuindèvin, un racconto di tanti anni fa sulle fate di Oleis

Tratto da Tiaris di Cividât e de Badie di Rosacis, Istituto di Ricerca Achille Tellini

Par furlan.

Lis aganis lis vedèvin a lavà in tune biele rìe, di gnot, tai rìui di Uèlis. Cualchidun al è passât e lis à vidudis. Pùare mê nône ‘e contave chiste robe; ‘e diseve ancje che, chanche cualchi persone coragjôse ‘e à cjacarât a chistis aganis, lôr no rispuindèvin.

E’ fasèvin simpri el lôr lavôr e no rispuindèvin. E’ disèvin ch’e èrin ànimis in pene, fèminis muartis.

In italiano.

Le fate venivano viste mentre lavavano i panni in una lunga fila, durante la notte, nei ruscelli di Oleis. Qualcuno è passato e le ha viste. Questo lo raccontava mia nonna, buonanima, e diceva pure che, quando qualche persona coraggiosa cercò di parlare a quelle fate, esse non rispondevano.

Continuavano il loro lavoro e non rispondevano. Si diceva che fossero delle anime in pena, delle donne morte.

Condividi l'articolo