Abio decora le sale d’attesa della Radiologia dell’ospedale di Udine

Le sale d’attesa della Radiologia di Udine decorate per i bambini.

Grazie alla collaborazione dell’Associazione Abio, le sale d’attesa della Radiologia dell’Ospedale di Udine sono state decorate con disegni e personaggi per rendere più leggera l’accoglienza dei piccoli pazienti pediatrici.

L’iniziativa è partita dai tecnici di Radiologia che hanno pensato di intervenire in uno spazio in cui gli attimi e i momenti di attesa sono molto delicati sia per gli stessi bambini che attendono la prestazione diagnostica sia per i familiari che li accompagnano.

Dopo un confronto con la Clinica Pediatrica, è stata trovata la collaborazione dell’Abio, che con l’entusiasmo che sempre caratterizza l’associazione, si è immediatamente prodigata per decorare le pareti della sala d’attesa e dei corridoi attigui per renderla più accogliente.

A contorno di questo intervento, Asufc ha messo a disposizione delle sedie colorate e un Tablet utile per tranquillizzare i piccoli pazienti durante l’esecuzione dell’indagine radiologica.

Presente alla breve cerimonia la direzione medica dell’ospedale Santa Maria della Misericordia, con il ringraziamento del dottor Lattuada e della dottoressa Moccia verso l’Associazione per il prezioso contributo che viene sempre garantito, e rappresentanti di Abio che si augurano di continuare con queste iniziative e riprendere al più presto anche l’attività all’interno del presidio ospedaliero.

L’associazione Abio.

Abio – Associazione per il Bambino In Ospedale – è una organizzazione di volontariato che opera all’interno di oltre 200 reparti ospedalieri in tutta Italia e si prefigge lo scopo di affiancare i bambini e i ragazzi ricoverati in ospedale, accogliendoli e sostenendoli in modo da rendere meno traumatica l’esperienza attraverso il gioco, l’ascolto, la presenza discreta e il sostegno alle famiglie.

Abio Udine nasce nel 2001. È presente all’interno del reparto di pediatria dell’Azienda Ospedaliera Santa Maria della Misericordia e collabora con diversi reparti.

Condividi l'articolo