CrediFriuli continua a crescere, utile e boom di conti corrente

Nuovi traguardi per la banca friulana.

Nel primo semestre del 2019, il valore dei volumi complessivi gestiti da CrediFriuli ha raggiunto i 2,2 miliardi di euro con un incremento del 7,88 per cento rispetto al giugno precedente, mentre l’utile netto semestrale si attesta a 6,8 milioni di euro.

Buona la dinamica della raccolta complessiva che cresce, nel semestre, del 6,51 per cento, spinta dal risparmio gestito finanziario incrementato del 7,9 per cento. Segno più anche per l’andamento della previdenza complementare che continua a registrare un incremento dei volumi pari al 12,35 per cento, a conferma della sensibilità dei risparmiatori verso il tema pensionistico.

In crescita anche le soluzioni pac di nuova attivazione, con un aumento, su base semestrale, del 7 per cento, ad attestazione del buon andamento dei mercati finanziari che hanno evidenziato una forte reazione, dopo un complicato 2018 a livello internazionale.

Anche sul versante della monetica si mette in evidenza l’ulteriore crescita dei pos installati che hanno riguardato oltre 1.200 esercizi convenzionati, con una crescita, solo nel primo semestre, del 9,6 per cento.

Salgono gli impieghi complessivi (+9,3 per cento rispetto al medesimo periodo dello scorso anno), sostenuti pure dalla crescita del comparto “mutui prima casa” che vede stipulati 309 nuovi finanziamenti, per oltre 37 milioni di euro, nel primo semestre.

Inoltre, sono stati erogati oltre 2,5 milioni di euro di credito al consumo, tramite Bcc Cre.co., la società partecipata dal gruppo Iccrea, garantendo a soci e clienti condizioni particolarmente convenienti.

“I nostri numeri sono la conferma che la scelta strategica di coniugare solidità e redditività – sottolinea il presidente, Luciano Sartoretti – rappresenta la migliore garanzia per soci e clienti che la banca continuerà a mettere al centro del proprio operare la crescita e lo sviluppo delle comunità locali“.

“L’ingresso nel gruppo bancario cooperativo Iccrea – continua Sartoretti – rafforza ulteriormente il nostro istituto, che potrà, in questo modo, accedere a nuovi prodotti, affiancando ai tradizionali, quelli più moderni, assicurando la multicanalità e la fruizione in remoto e in completa autonomia dei principali servizi bancari”.

“Sul versante conti correnti, anche grazie a politiche di costo attente e coerenti con i cambiamenti di mercato, abbiamo sfondato quota 31.300 conti, con 700 nuovi conti correnti aperti nel primo semestre dell’anno”, spiega il direttore generale, Gilberto Noacco.

“Risultati positivi – prosegue il dirigente – rafforzati dall’ulteriore calo dei crediti deteriorati: i dati del primo semestre presentano una riduzione delle principali voci degli Npl (inadempienze probabili e sofferenze) di 3,1 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2018. Si è infatti passati da 57,3 milioni di euro a 54,2 milioni (-5,5 per cento), senza alcun ricorso a operazioni di cessione di sofferenze in portafoglio”.

(Visited 46 times, 1 visits today)

Note sull'autore

Seguici su Facebook