Preso il maniaco del suv, è un 30enne: davanti alle ragazze si calava i pantaloni

Il maniaco del suv denunciato a Udine.

Individuato e denunciato un 30enne, cittadino italiano, resosi responsabile di almeno cinque episodi di molestie, mediante atti di autoerotismo, ai danni di giovani donne. L’indagine è stata compiuta della polizia di Stato di Udine, con il coordinamento della locale Procura della Repubblica. Dal monitoraggio dei social network si è appurato che lo scorso 8 gennaio una ragazza udinese, mentre si trovava in attesa alla fermata dell’autobus in una via di questo centro cittadino, veniva avvicinata da un uomo, appena sceso da un Suv, che le esibiva le parti intime, toccandosele, dopo essersi abbassato i pantaloni. La donna, sconvolta dall’accaduto, una volta al sicuro a bordo dell’autobus, contattava il numero unico d’emergenza 112 raccontando l’accaduto. Condivideva quindi l’episodio accadutole con un post sul suo profilo Facebook e si vedeva riferire da un’amica di aver vissuto la stessa situazione qualche giorno prima, sempre con un uomo a bordo della stessa autovettura come protagonista. 
A distanza di giorni, altre tre donne, condividendo lo stesso post, scoprivano di essere state inconsapevoli vittime dello stesso soggetto.

L’ascolto delle donne e il confronto dei loro racconti permettevano agli investigatori della Squadra Mobile di ricostruire almeno 5 episodi, che si collocano negli ultimi due anni, da gennaio 2020 a gennaio 2022, il cui protagonista è lo stesso autore. Le vittime hanno raccontato che, mentre facevano jogging, in zone campestri della città, venivano avvicinate e superate dall’autovettura che si fermava lungo la via in attesa del loro arrivo. Poco prima, l’uomo scendeva dalla macchina esibendo il suo organo genitale. Nel corso della mattinata del 26 gennaio venivano eseguite alcune perquisizioni che permettevano di rinvenire e sottoporre a sequestro alcuni capi di abbigliamento indossati dal molestatore in almeno due degli episodi oggetto d’indagine, riconosciuti in precedenza dalle vittime, dando riscontro e confermando il coinvolgimento dell’uomo. Qualora vi fossero altre donne che si riconoscono per dinamiche in episodi analoghi, possono rivolgersi alla Squadra Mobile della Questura di Udine che farà confluire le eventuali denunce all’Autorità Giudiziaria che coordina l’attività investigativa.

(Visited 3.089 times, 1 visits today)
Autore: Redazione

Note sull'autore